Il nostro contratto formativo

 

 

Filmati che illustrano le caratteristiche dell'Istituto e degli indirizzi di studio

Il Galvani Iodi

Odontotecnico
Ottico
Servizi sociali

 

 

Informazioni relative agli indirizzi di studio

 

piano di studio e quadro orario

 

piano di studio e quadro

piano di studio e quadro orario

 

 

 

 

 

La scuola aiuta lo studente ad analizzare la propria esperienza scolastica e a progettare i possibili sviluppi del proprio percorso di crescita .

 

Ogni allievo deve conoscere:

- gli obiettivi educativi e didattici del proprio curricolo;

- il percorso per raggiungerli;

- le fasi del proprio percorso di apprendimento.

 

Ogni docente:

- comunica al gruppo classe e ai genitori la propria offerta formativa;

- motiva l'intervento didattico e le strategie educative;

- esplicita i criteri di valutazione;

- comunica alla classe gli obiettivi intermedi, riferiti ad ogni unità di apprendimento, e finali di ogni disciplina e i risultati delle prove di valutazione.

 

Ogni genitore deve:

- conoscere l'offerta formativa della scuola;

- partecipare al dialogo educativo.

 

 

Primo periodo dell'attività didattica

Il Consiglio di classe organizza l'attività di accoglienza ed elabora la programmazione educativo - didattica della classe (obiettivi educativi e didattici, interventi didattici, strumenti di verifica, criteri di valutazione).

Il singolo docente illustra alla classe la propria offerta formativa (presentazione della materia e dei materiali didattici, con esplicitazione di: obiettivi specifici disciplinari, organizzazione dei contenuti, metodi e strategie, strumenti di verifica, criteri di valutazione).

L'assemblea di classe, con i genitori, gli studenti, i docenti, il Dirigente scolastico, si riunisce con lo scopo di avviare una sistematica comunicazione sul progetto educativo di Istituto.

 

 

Entro la fine di gennaio:

Sono analizzate le situazioni personali degli allievi e si costruisce una mappa dei problemi emersi, allo scopo di verificare l'inserimento e/o la riuscita scolastica.

Si individuano le strategie di soluzione dei problemi.

 

Dopo la consegna delle pagelle del primo quadrimestre gli studenti sono guidati:

Alla riflessione sulle valutazioni del consiglio di classe per acquisire consapevolezza delle difficoltà incontrate e delle modalità necessarie per superarle.

All'individuazione degli strumenti per la pianificazione del lavoro scolastico.

All'elaborazione del progetto di pianificazione del proprio lavoro scolastico a casa e a

scuola.

 

Entro la fine dell'anno scolastico:

si ricostruisce l'iter di lavoro seguito nelle varie discipline, nei progetti, ecc. individuando acquisizioni, metodo di lavoro usato, difficoltà incontrate, strategie per superarle, ecc.

Si valutano complessivamente il lavoro svolto ed i risultati ottenuti dall'iter formativo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

   
   

 

   
   

 

 

   
   
   
   
 

 

 

 

 

 

 

Il corso per Odontotecnici esiste a Reggio Emilia dal 1967 e per quasi tre decenni è stato l'unico corso statale in tutta l'Emilia Romagna ed ha formato e continua a formare Odontotecnici provenienti dalle diverse province della regione e da quelle limitrofe. Nel corso degli anni sono cambiati programmi, materie e struttura del corso per adeguarsi ai cambiamenti avvenuti in ambito professionale. Il Ministero della Sanità, di concerto col Ministero della Pubblica Istruzione, con un decreto emanato il 23. 04. 1992, ha ritenuto necessario definire la durata dei corsi ed i programmi di insegnamento al fine di una equiparazione del livello culturale e professionale degli odontotecnici alla media europea.

 

Nuovo Ordinamento

 

>>scarica materiale illustrativo

(in vigore per gli studenti iscritti alla classe a partire dall'anno scolastico 2010-2011)

ODONTOTECNICO - NUOVO PIANO SETTIMANALE DEL CORSO DI STUDI

 

Profilo

Il Diplomato di istruzione professionale dell'indirizzo “Servizi socio-sanitari”, nell'articolazione “ Arti ausiliarie delle professioni sanitarie, Odontotecnico ”, possiede le competenze necessarie per predisporre, nel laboratorio odontotecnico, nel rispetto della normativa vigente, apparecchi di protesi dentaria, su modelli forniti da professionisti sanitari abilitati.

È in grado di:

  • applicare tecniche di ricostruzione impiegando in modo adeguato materiali e leghe per rendere il lavoro funzionale, apprezzabile esteticamente e duraturo nel tempo;

  • osservare le norme giuridiche, sanitarie e commerciali che regolano l'esercizio della professione;

  • dimostrare buona manualità e doti relazionali per interagire positivamente con i clienti;

  • aggiornare costantemente gli strumenti di ausilio al proprio lavoro, nel rispetto delle norme giuridiche e sanitarie che regolano il settore.

A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell'articolazione consegue i risultati di apprendime nto descritti nel punto 2.2 dell'Allegato A), di seg uito specificati in termini di competenze.

  1. Utilizzare le tecniche di lavorazione necessarie a costruire tutti i tipi di protesi: provvisoria, fissa e mobile;

  2. Applicare le conoscenze di anatomia dell'apparato boccale, di biomeccanica, di fisica e di chimica per la realizzazione di un manufatto protesico.

  3. Eseguire tutte le lavorazione del gesso sviluppando le impronte e collocare i relativi modelli sui dispositivi di registrazione occlusale.

  4. Correlare lo spazio reale con la relativa rappresentazione grafica e convertire la rappresentazione grafica bidimensionale in un modello a tre dimensioni.

  5. Adoperare strumenti di precisione per costruire, levigare e rifinire le protesi.

  6. Applicare la normativa del settore con riferimento alle norme di igiene e sicurezza del lavoro e di prevenzione degli infortuni.

  7. Interagire con lo specialista odontoiatra.

  8. Aggiornare le competenze relativamente alle innovazioni scientifiche e tecnologiche nel rispetto della vigente normativa.

( Fonte: schema di regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti professionali ai sensi dell'art. 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133)

 

 

 

 
1°biennio
2°biennio
quinto anno
 
I
II
III
IV
V

MATERIE DI AREA GENERALE

Lingua e letteraura italiana
4
4
4
4
4
Storia
2
2
2
2
2
Lingua Inglese
3
3
3
3
3
Diritto ed Economia
2
2
Matematica ed informatica
4
4
3
3
3
Scienza Integrate(Scienze della Terra e Biologia)
2
2
Educazione fisica
2
2
2
2
2
Religione o Mat. Altern.ve
1
1
1
1
1

MATERIE DI AREA D'INDIRIZZO

Scienze Integrate(Fisica)
2
2
Scienze Integrate(Chimica)
2
2
Anatomia fisiologia e igiene
2
2
2
Gnatologia
2
2
Rappresentazione e Modellazione Odontotecnica
2
2
4
4
di cui in compresenza con insegnante di esercitazioni di lab. di odontotecnica
4*
4*
Diritto e pratica commerciale
 
Esercitazioni di laboratorio di odontotecnica
4
4
7
7
8
 
Scienze dei materiali dentali e laboratorio
4
4
4
di cui in compresenza con insegnante di esercitazioni di lab. di odontotecnica
2*
2*
2*
 
Totale ore
32
32
32
32
32
 
  ORARIO DELLE LEZIONI a.s 2012 - 2013
1^ora
8.05
9.33
2^ora
9.33
10.31
intervallo
10.31
10.41
3^ora
10.41
11.39
4^ora
11.39
12.37
5^ora
12.37
13.35
POMERIGGIO
6^ora
14.15
15.15
7^ora
15.15
16.15
8^ora
16.15
17.15

 

 

 

 

 

 

  ORARIO DELLE LEZIONI a.s 2012 - 2013
1^ora
8.05
9.33
2^ora
9.33
10.31
intervallo
10.31
10.41
3^ora
10.41
11.39
4^ora
11.39
12.37
5^ora
12.37
13.35
POMERIGGIO
6^ora
14.15
15.15
7^ora
15.15
16.15
8^ora
16.15
17.15

 

 

 

 

 

NUOVO ORDINAMENTO

>scarica materiale illustrativo

 

(per gli iscritti alla classe prima a partire dell'a.s.2010 2011)

INDIRIZZO "SERVIZI SOCIO-SANITARI


Articolazione “Arti ausiliarie delle professioni sanitarie, Ottico”


Profilo


Il Diplomato di istruzione professionale, nell’articolazione “Arti ausiliarie delle professioni sanitarie, Ottico” dell’indirizzo “Servizi socio-sanitari”, possiede le competenze di ottica ed oftalmica necessarie per realizzare, nel laboratorio oftalmico, ogni tipo di soluzione ottica personalizzata e per confezionare, manutenere e commercializzare occhiali e lenti, nel rispetto della normativa vigente.


È in grado di :


• utilizzare in modo adeguato materiali, leghe, strumentazioni e tecniche di lavorazione e ricostruzione
indispensabili per preparare ausili e/o presidi sanitari con funzione correttiva, sostitutiva, integrativa ed estetica
per il benessere della persona;
• utilizzare gli strumenti informatici di ausilio al proprio lavoro, nella tecnica professionale e nella gestione dei dati
e degli archivi relativi ai clienti;
• applicare le norme giuridiche, sanitarie e commerciali che regolano l’esercizio della professione;
• dimostrare buona manualità e doti relazionali per interagire positivamente con i clienti.


A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’articolazione consegue i risultati di
apprendimento descritti nel punto 2.2 dell’Allegato A), di seguito specificati in termini di competenze.
1. Realizzare ausili ottici su prescrizione del medico e nel rispetto della normativa vigente.
2. Assistere tecnicamente il cliente, nel rispetto della prescrizione medica, nella selezione della montatura e delle
lenti oftalmiche sulla base delle caratteristiche fisiche, dell’occupazione e delle abitudini.
3. Informare il cliente sull’uso e sulla corretta manutenzione degli ausili ottici forniti.
4. Misurare i parametri anatomici del paziente necessari all’assemblaggio degli ausili ottici.
5. Utilizzare macchine computerizzate per sagomare le lenti e assemblarle nelle montature in conformità con la
prescrizione medica.
6. Compilare e firmare il certificato di conformità degli ausili ottici nel rispetto della prescrizione oftalmica e delle
norme vigenti.
7. Definire la prescrizione oftalmica dei difetti semplici (miopia e presbiopia, con esclusione dell'ipermetropia,
astigmatismo e afalchia).
8. Aggiornare le proprie competenze relativamente alle innovazioni scientifiche e tecnologiche, nel rispetto della
vigente normativa.

 

OTTICO - NUOVO PIANO SETTIMANALE DEL CORSO DI STUDI

(a partire dalle classi prime dell'anno scolastico 2010/2011)

 

 
1°biennio
2°biennio
quinto anno
 
I
II
III
IV
V

MATERIE DI AREA GENERALE

Lingua e letteraura italiana
4
4
4
4
4
Storia
2
2
2
2
2
Lingua Inglese
3
3
3
3
3
Diritto ed Economia
2
2
Matematica ed informatica
4
4
3
3
3
Scienza Integrate(Scienze della Terra e Biologia)
2
2
Educazione fisica
2
2
2
2
2
Religione o Mat. Altern.ve
1
1
1
1
1

MATERIE DI AREA D'INDIRIZZO

Scienze Integrate(Fisica)
2
2
Scienze Integrate(Chimica)
2
2
Discipline Sanitarie (Anatomia, fisiopatologia oculare e Igiene)
2
2
2
5
5
di cui in compresenza
2
3
3
Diritto e pratica commerciale, legislazione socio sanitaria
3
di cui in compresenza
2
2
2
Esercitazioni di lenti oftalmiche
4
4
5
3
Esercitazioni di optometria
4
4
4
Esercitazioni di contattologia
2
2
2
di cui in compresenza
2*
2*
2*
 
Totale ore*
32
32
32
32
32
 

 

 

 

 

 

 

  ORARIO DELLE LEZIONI a.s 2012 - 2013
1^ora
8.05
9.33
2^ora
9.33
10.31
intervallo
10.31
10.41
3^ora
10.41
11.39
4^ora
11.39
12.37
5^ora
12.37
13.35
POMERIGGIO
6^ora
14.15
15.15
7^ora
15.15
16.15
8^ora
16.15
17.15

 

 

 

       

 

>scarica materiale illustrativo


L’identità dell’indirizzo è caratterizzata da una visione integrata dei servizi sociali e sanitari relativi ad
attività di servizio per l’inclusione sociale e per il benessere di persone e comunità, nelle aree che
riguardano soprattutto la mediazione familiare, l’immigrazione, le fasce sociali più deboli, le attività di
animazione socio-educative e culturali e tutto il settore legato al benessere.
E’ molto importante che le competenze acquisite nell’intero percorso di studio mettano in grado gli
studenti di dialogare e migliorare il sistema di relazione con le diverse tipologie di utenti, di interagire
con la più ampia comunità sociale, con i servizi socio-sanitari del territorio (compreso il privato sociale)
e di assumere ruoli adeguati all’evoluzione dei bisogni socio-sanitari.
Le innovazioni in atto nell’intero comparto richiedono allo studente conoscenze scientifiche e tecniche
e competenze correlate alle scienze umane e sociali, alla cultura medico-sanitaria per comprendere il
mutamento sociale, il nuovo concetto di salute e benessere, le dinamiche della società multiculturale e
per riconoscere le problematiche relative alle diverse tipologie di utenza al fine di contribuire ad
individuare e gestire azioni a sostegno di persone e comunità con particolare attenzione alle fasce
deboli.


 

 

 

©2012 ipsia Luigi Galvani - tutti i diritti riservati - via Canalina 21 Reggio Emilia -tel. 0522 325711 - 0522 551019 fax 0522 294233